Nigeria: Una nazione divisa

venerdì 27 gennaio 2012 → 23:53 in Nigeria

La Nigeria dovrebbe essere il motore dell’Africa essendo il più grande produttore di petrolio del continente e il paese più popoloso. Ma dopo decenni di malgoverno, la maggior parte dei suoi 160 milioni di abitanti sono ancora impantanati nella povertà.

La situazione del più grande Paese africano, è resa ancor più difficile da una popolazione divisa per molte ragioni – etniche, religiose, economiche e politiche – e spesso queste tensioni esplodono con violenza.
Le elezioni presidenziali, tra mille tensioni, si sono svolte nel 2011.
Per vincere al primo turno, un candidato non solo ha bisogno della maggioranza dei voti espressi, ma deve avere almeno il 25% dei voti nei due terzi dei 36 stati della Nigeria. Goodluck Jonathan, cristiano del Sud di etnia Ijaw, del PDP (il partito che ha la maggioranza nel Paese), ha raggiunto tale soglia in 31 Stati, il suo principale avversario Muhammadu Buhari del CPC lo ha fatto solo in 16 Stati. Alle elezioni, giudicate dagli osservatori internazionale le più “credibili” mai svolte, hanno partecipato circa 38 milioni di nigeriani.

I 160 milioni di cittadini della Nigeria sono divisi in numerosi gruppi etnici, linguistici e religiosi. Il gruppo più numeroso sono gli Hausa-Fulani che vivono principalmente nel nord del Paese e che sono in gran parte musulmani. Poi gli Yoruba del sud-ovest che sono divisi tra musulmani e cristiani, mentre gli Igbo del sud-est e vari gruppi vicini sono per lo più cristiani o animisti. La cintura Orientale è patria di centinaia di gruppi etnici con diverse credenze, a Jos nello stato centrale del Plateau ci sono frequenti scontri tra musulmani di lingua hausa e membri della comunità cristiana Berom.
Nonostante le sue vaste risorse, la Nigeria, secondo le Nazioni Unite, è tra i paesi più poveri e con più disuguaglianza del mondo. La povertà nel nord e in parte del sud è in netto contrasto con gli stati più sviluppati del centro e di parte del sud. Mentre nel sud-est ricco di petrolio , gli abitanti del Delta e Akwa Ibom protestano perche tutta la ricchezza prodotta dal flusso petrolifero va ad Abuja e Lagos.

Gli abitanti del sud tendono ad avere un migliore accesso alle cure sanitarie, come risulta dalla maggiore diffusione dei vaccini per la poliomielite, tubercolosi, tetano e difterite. Alcuni gruppi del nord hanno in passato boicottato i programmi di immunizzazione , dicendo che erano un complotto occidentale per rendere sterili le donne musulmane. Ciò ha portato ad una grande frequenza della poliomielite, ma ora le vaccinazioni sono riprese.

 
L’alfabetizzazione femminile è vista come la chiave per aumentare gli standard di vita per la prossima generazione. Per esempio, per un bambino appena nato è molto più probabile sopravvivere se la madre è istruita. In Nigeria c’è un netto contrasto tra la maggioranza musulmana del nord e il sud cristiano e animista. In alcuni stati del nord meno del 5% delle donne sa leggere e scrivere, mentre in alcune aree Igbo oltre il 90% sa leggere e scrivere.
La Nigeria, con oltre 2 milioni e mezzo di barili al giorno, che forniscono oltre il 90% del PIL, è il principale produttore di petrolio dell’Africa e tra i più grandi del mondo, ma la maggior parte dei suoi abitanti vive con meno di 2 dollari al giorno. L’olio viene prodotto nel sud-est e alcuni gruppi militanti, principalmente il MEND (Movimento per l’Emancipazione del Delta del Niger), hanno lottato per conservare una quota maggiore della ricchezza che viene dalle loro terre. Gli attacchi da parte dei militanti alle installazioni petrolifere hanno contribuito ad un forte calo della produzione della Nigeria negli ultimi dieci anni. Ma nel 2010, l’amnistia offerta dal governo ha portato migliaia di ex combattenti a deporre le armi.
(Le cartine sono della BBC-News)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • RSS A SUD

  • Porta Metronia Tags