Nigeria, Mend rivendica attacco a impianto dell’ Eni-Agip.

mercoledì 16 marzo 2011 → 20:28 in Nigeria

Un attentato esplosivo è stato compiuto contro un impianto dell’Eni-Agip a Coulgh Creek nello Stato di Bayelsa, assaltato dai militanti del Mend, nella zona del Delta del Niger .
La prima conferma dell’attacco arriva in serata da una fonte delle Forze di Sicurezza, che precisa che non ci sono vittime.
 L’esercito, nonostante i molti testimoni delle esplosioni, per tutta la giornata aveva negato l’accaduto. In serata, un portavoce militare ha dichiarato che dietro le esplosioni, avvenute nella stazione di pompaggio dell’Agip-Eni di Clough Creek nello Stato di Bayelsa, ci sono “motivazioni politiche”.  “C’è stata un’esplosione nella flowstation dell’AGIP di Clough Creek la notte scorsa”, ha detto alla Reuters Timothy Antigha, portavoce della Joint Tak Force (JTF) responsabile della sicurezza nella vasta regione ricca di petrolio.
“Finora sembra che alcuni ragazzi della comunità locale potrebbero essere stati i responsabili dell’esplosione, ma stiamo ancora indagando”, ha aggiunto Antigha.
La versione fornita dalla JTF viene però contraddetta da diverse agenzie di stampa e dalla stessa ENI secondo cui, la stazione di pompaggio dell’Agip a Clough Cree nel delta del Niger, è stata assaltata da un commando di uomini armati. Al contrario di quello che era sembrato in un primo momento, fonti dell’Eni hanno precisato che per fortuna nessuno dei lavoratori è stato preso in ostaggio. Sempre nella stessa zona è da tempo occupata da militanti un’altra installazione Agip.
“Non c’è stata alcuna occupazione, né ostaggi né ci sono stati feriti”, è stata la precisazione. Si è trattato, hanno detto le fonti Eni, di ”una rapina nel corso della notte” in cui sarebbero stati rubati una piccola imbarcazione e alcuni effetti personali. ”Tutte le persone sono in buone condizioni”, hanno aggiunto.
In tarda serata a smentire entrambe le versioni arriva il comunicato del Movimento per l’Emancipazione del Niger Delta (MEND).
Il comunicato diffuso dal Mend e pubblicato da SaharaReporters rivendica l’attentato alla Flow-Station del ENI- Agip, in contrasto con le smentite del portavoce della JTF dello stato di Bayelsa .
Il Movimento per l’Emancipazione del Delta del Niger (Mend) conferma che l’attacco alla stazione petrolifera Agip di Clough Creek, nelle tarde ore di Martedì 15 Marzo 2011 è stata effettuata dai nostri combattenti. Questo nostro attacco segna l’inizio della campagna che avevamo promesso contro l’industria petrolifera nigeriana. Questo attacco e attacchi simili agli oleodotti e alle stazioni di pompaggio che si avranno entro i prossimi giorni sono un promemoria per il governo nigeriano e l’ opinione pubblica di non sottovalutare le nostre minacce. Ancora una volta ribadiamo la nostra volontà di evitare vittime civili e di nuovo fortemente avvertiamo il pubblico di stare alla larga da ogni tipo di evento politico o riunioni di qualsiasi tipo, perchè il peggio deve ancora venire.
La lotta per la liberazione del Delta del Niger è solo all’inizio.
Jomo Gbomo

L’attacco all’impianto dell’Agip, nello stato nigeriano di Bayelsa, arriva mentre è ancora occupata un’altra installazione dell’Agip nello stesso Stato, quella di Tebidaba, ad opera di militanti che chiedono risarcimenti per i danni ambientali prodotti dall’industria del greggio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • RSS A SUD

  • Porta Metronia Tags