1 Maggio Festa del lavoro

domenica 1 maggio 2011 → 0:23 in Manhattan e dintorni

Monicelli poco prima di morire diceva che l’Italia ha bisogno di una rivoluzione, per spazzare via tutta la “marcia” classe politica di questo paese, e per una “rinascita” della civiltà.
Nel nostro civile ed avanzato paese dall’inizio del 2011 ad oggi ci sono stati 192 morti per infortuni sui luoghi di lavoro, ma si arriva a contarne oltre 400 di morti se si aggiungono i lavoratori deceduti sulle strade e in itinere. Le regioni in testa a questa triste classifica sono la “moderna e civile” Lombardia con 28 vittime sui luoghi di lavoro (provincia di Milano 10), l’Emilia Romagna 20 (Provincia di Bologna 5) e la Sicilia 18 (provincia di Catania 5). Nonostante la tragedia della Thyssen e dopo un calo costante delle vittime che si registrava da quel tragico evento, anche la provincia di Torino ha già 5 morti in questi primi 4 mesi, e il Piemonte 16, le province di Napoli e Chieti 5, Savona, Messina e Ragusa 4 vittime.
Questo basterebbe per rendere necessaria la rivoluzione di cui parlava Monicelli.
Le generazioni che ci ha preceduto hanno lottato, si sono sacrificate, sono morte, per dare ai propri figli, a noi, un paese dove fosse dignitoso vivere. La nostra generazione ha dilapidato quasi tutto. Una generazione intontita e inerte che continua ad assistere passivamente allo sfacelo e che paralizzata dalla paura scarica tutto sulle generazioni future: i nostri figli.

Questo primo maggio voglio dedicarlo, attraverso le due canzoni inserite, a quelli che hanno lottato anche per noi, a quelli che dovranno lottare per sopravvivere all’egoismo e alla vigliaccheria di questa generazione, e a quelle persone che, uscite di casa per andare a lavorare, non sono più tornate.

3 commenti a “1 Maggio Festa del lavoro”

sirlad scrive:

il pensiero di Monicelli, e la sua saggezza, l’avevo già riportato in un vecchio post. Sono contento che ve ne siete accorti..
Se pensate che anche Claudio Lolli, ora, quando canta la sua “Borghesia” dice così: pur piccina che tu sia, “forse” vento un giorno ti spazzerà via…

Edo scrive:

…lo vedi che er sito a qualcosa serve… e l’altra te la ricordavi ?

fabrizio scrive:

In questo paese non ci sono mai state e mai ci saranno mai rivoluzioni, si preferisce vivere all’ombra del potente di turno sperando di cavarsela.
P.S. Contessa non la sentivo da trentanni, gli anni passano…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *