Che dire!

venerdì 30 maggio 2008 → 13:30 in On the Roads

19 commenti a “Che dire!”

Ardito scrive:

Più che altro sarebbe lievitato..!!

flash scrive:

Me sà che il conto sarà…..salato. Comunque edu è un amico è? Vi ha già addentrato sui rischi nel deserto? Se no, si stà preparando, ma sono convinto che lo fà per il vostro bene………credo.
Vedi poi che occasione mancata? Labbinda con il canotto sul mar morto avrebbe spopolato.

fabrizio scrive:

Sapevo che si poteva contare sulla Edu Onlus, grillo sei in buone mani!

edu scrive:

La lega per la salvaguardia del Grillo ha inviato un sms alla nostra Onlus per tutelare gli interessi della specie. Prontamente mi sono attivatoe lancio l’appello: Caro Marco, siamo in condizioni di resistere a ben altro! Quindi l’affermazione “non ne potete più è errata” e non evaporare lievemente n’sei n’grado. O fai na cosa eclatante o lascia perde, nun’è pe te!
I tuoi interventi “pungenti” potrebbero mancare troppo sia a noi che a te… la loro mancanza desterebbe preoccupazione e sconcerto. Lo stesso Marcos, che al momento non può intervenire sul sito, in un lungo messaggio dalla Selva si appella non tanto al “buon senso” …inesistente nella vicenda… quanto alla necessità di evitare …evaporazioni. Anzi suggerisce (meno che al Grillo) de beveselo prima che evapori!!!

edda scrive:

tra un’evaporazione e l’altra … bravo Alessandro so che la pratica è iniziata!!

Marco scrive:

Vedo che non ne potete più…..quindi, lievemente, evaporo.

Ardito scrive:

Per i miracoli non è attrezzata!!

fabrizio scrive:

me sa che la Onlus po’ fa’ poco…

edu scrive:

n’fatti!

Ardito scrive:

Non ci sono parole..!!!!

Marco scrive:

Almeno ci sarà un poco di sale! Poi sarà lo scambietto a mettere il pepe. Ve lo siete dimenticato? Come sempre però avete equivocato: lo scambietto non è sempre etero, come banalmente avete pensato, ma omo. Prima di imbarcarvi leggete il libro “Essi omo” (inedito di Nietzsche).
Nel saggio “Essi omo” il famoso autore di “Ecce Homo” profetizza il compiersi della naturale predisposizione all’omosessualità latente del viaggiatore inconsapevole sulle sponde del Mar Morto.
Non si scappa al Mar Morto: avvolti dal sale, come precipitati, le certezze di un tempo si ribaltano con inaspettati risvolti. Come niente ti rigiri e ti trovi col culo all’aria e….zacchete…qualcuno di passaggio, altri turisti, hanno letto “Essi omo”! Questo è il fascino del Mar Morto: non torni mai uguale a quello che pensavi di essere. Sarai comunque una persona più aperta!

edu scrive:

A Flash, jè mancheremo de sicuro!!
Nel frattempo per tenere allegri i nostri “viaggiatori” allego una simpatica testimonianza e alcuni consigli per evitare che il viaggio nella “depressione” (..ma era il caso ?) abbia risvolti di altro genere.

Non si può affondare dentro dentro al Mar Morto, se non per disgrazia, la salinità è oltre il 33% (Mediterraneo 3,5%). Si sta tranquilamente stesi sulla superficie dell’acqua, seduti, mezzosdraiati, si può leggere il giornale, come se foste sdraiati sul letto, sensa fare un movimento! Ed è proprio questa la causa principale della morte nel Mar Morto ( mamma mia, che slogan:la morte nel Mar Morto …). La gente, rilassandosi, prende il sonno, perde controllo e il corpo incoscentemente si rigira con la faccia in giu. Un aspiro d’acqua e buona notte! La bruciatura delle vie respiratori incompatibile con la vita. Perciò è categoricamente vietato tuffarsi nell’ acqua, o nuotare lontano dalla spiaggia, proprio per i motivi di controllo e sicurezza per i bagnini. Oltre ciò non è consigliato di stare dentro l’acqua più di 15 minuti di seguito, perche essa stimola la circolazione sanguinea ed alza notevolmente la pressione. Il risultato potrebbe essere un’infarto
Dopo aver fatto il bagno bisogna immediatamente lavarsi col’acqua dolce, altrimenti si rischia di diventare un crostaceo. Il sale dell’acqua, sotto al sole si cristallizza a vista d’occhio, ricoprendo il corpo di una spece di corrazza salina. Poco piacevole, vi assicuro, pochi minuti dopo comincia a prudere tutto, la pelle viene irritata dal sale.

Ahi capito Flash ? Te li immagini l’Ardito e er Milanese raschiati dalle signore per insaporire le pietanze. Sennò diventamo produttori de statue!!

flash scrive:

Sono convinto che vi mancherò!

Ardito scrive:

Mejo….

flash scrive:

Mà ‘ndò annate! Mà non lo vedete che postaccio. C’è tutta schiuma. Ecco perchè Legambiente non l’ha nemmeno inserito tra le spiagge più belle. Vorrà pur dire qualcosa. E difatti è un mare morto. Ma pensa te che vacanza! Contenti voi. Io non ci vengo e me ne stò ad Anzio.

Ardito scrive:

Io, una mezza idea, su cosa ci diremo,e a chi penseremo, quando saremo a mollo, già ce l’ho..!!!!

fabrizio scrive:

Che dire lo sapremo quando saremo lì, a mollo nelle acque terapeutiche del Mar Morto!

Ardito scrive:

Ci sarà molto da dire, e fra non molto anche da fare, visto che toccheremo con mano questo meraviglioso spettacolo..!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *